Educare il tuo cane all’uso della traversina: consigli utili

Durante i primi mesi di vita del tuo cane, potresti trovarti nella situazione di dover abituarlo a sporcare su una traversina, specialmente se non è ancora completato il ciclo vaccinale e preferisci evitare di portarlo all'esterno. Tuttavia, è importante capire che questa pratica dovrebbe essere temporanea e non sostitutiva delle passeggiate regolari, fondamentali per il benessere fisico e mentale del tuo amico a quattro zampe.

1. Graduale introduzione: durante i momenti in cui prevedi che il cucciolo debba fare i bisogni (come al mattino presto o dopo i pasti), mettilo delicatamente sulla traversina e premialo quando sporca. Questo aiuterà a associare la traversina con l’atto di fare i bisogni.

2. Limita l’uso della traversina: ricorda che l’uso della traversina dovrebbe essere limitato al periodo in cui il cane non può ancora uscire all’esterno a causa del ciclo vaccinale incompleto. Una volta che il cane può essere portato fuori in sicurezza, la traversina dovrebbe essere gradualmente eliminata.

3. Passeggiate regolari: le passeggiate sono essenziali per il benessere del tuo cane, non solo per permettergli di fare i bisogni, ma anche per stimolare la sua mente e soddisfare il suo istinto di esplorazione. Anche un cane adulto può trattenere i bisogni per diverse ore durante il giorno, ma le passeggiate regolari sono comunque indispensabili per il suo equilibrio fisico e mentale.

Ricorda che l’obiettivo principale è educare il tuo cane all’uso corretto della traversina durante il periodo necessario, ma senza trascurare l’importanza delle passeggiate quotidiane. Con pazienza e costanza, potrai garantire al tuo cane un ambiente pulito e confortevole, rispettando nel contempo le sue esigenze fisiologiche e comportamentali.

Facebook
WhatsApp
Pinterest
Twitter
LinkedIn

Articoli correlati

Blog

Reflusso gastroesofageo nel cane e nel gatto

Il reflusso gastroesofageo, comunemente noto come GERD (Gastro Esophageal Reflux Disease), è un disturbo documentato e diffuso anche nell’uomo, affliggendo il 25-30% della popolazione italiana. Tuttavia, in passato, questa condizione è stata considerata rara o inesistente negli animali domestici come cani e gatti.

Per saperne di più »